Il diabete è una patologia che colpisce circa 382 mln di persone nel mondo e si stima che raggiungerà il 55% della

popolazione mondiale nel 2035. Secondo l’OMS comprende un gruppo di disordini metabolici a diversa eziologia, che influenza il metabolismo glucidico, lipidico e proteico ed è caratterizzato da iperglicemia cronica, per un difetto della secrezione di insulina o dell’azione di insulina.

Il diabete induce a lungo termine complicanze a carico dell’apparato vascolare e del sistema nervoso che sono causa di disabilità e di più elevata morbilità e mortalità. L’ADA e l’OMS distinguono due forme di diabete, basate sull’eziopatogenesi della malattia.

  • Il diabete di tipo 1, autoimmune e ad esordio tipicamente giovanile, è caratterizzato da distruzione delle cellule beta del pancreas e quindi induce ad un deficit di produzione insulinica.
  • Il diabete di tipo 2, a lenta evoluzione e dell’età adulta, si instaura in un contesto di insulino-resistenza (bassa sensibilità cellulare all’azione dell’insulina) e caratterizzato da elevati livelli di glicemia. L’obesità, in soggetti geneticamente predisposti, è considerata la causa principale di diabete di tipo 2.

Leggi anche: La Prevenzione del Diabete nei soggetti a rischio

BENEFICI ATTIVITÀ FISICA PER I DIABETICI

I possibili benefici dell’attività fisica per i diabetici di tipo 2 sono notevoli e recenti studi confermano l’importanza di un programma di esercizio di lunga durata per il trattamento e la prevenzione delle alterazioni metaboliche e delle loro complicanze. Gli effetti benefici di un regolare programma di attività fisica sul metabolismo dei carboidrati e sulla sensibilità insulinica possono mantenersi fino a 5 anni.
Questi studi si rifersicono ad un regime di attività fisica con una frequenza di 3 volte alla settimana per almeno 30 minuti a sessione. L’emiglobina glicata (HbA1C) ha mostrato un miglioramento di circa il 10-20% rispetto ai valori basali in pazienti con diabete di tipo 2 in medio compenso e in quelli insulino-resistenti.

Un primo protocollo di allenamento prevede un periodo iniziale di condizionamento, dove il soggetto eseguirà esercizi di carattere aerobico a bassa intensità ed esercizi di potenziamento di facile esecuzione. In ogni seduta sono previste due fasi di lavoro principali:

  1.  allenamento aerobico
  2.  allenamento di resistenza.

La parte aerobica è quella più importante perché, come è dimostrato da diverse ricerche scientifiche, contribuisce in maniera più incisiva ad un miglioramento del quadro clinico e ad una riduzione del fabbisogno di insulina. Prima di iniziare un lavoro di resistenza, sarà necessario educare alla corretta respirazione i soggetti. E’ fondamentale evitare di trattenere il fiato (“manovra di Valsalva”) poiché si ridurrebbe il ritorno venoso al cuore, provocando così un aumento della pressione sistolica e diastolica. Inoltre il controllo della glicemia è particolarmente importante prima di iniziare la seduta di allenamento e durante, soprattutto tra la fine degli esercizi aerobici e l’inizio degli esercizi di forza.

L’attività fisica resta possibile se i valori glicemici sono compresi tra 100 e 250. Da una recente review (2015) pubblicata sul British Journal Of Sports Medicine emergono le seguenti linee guida:

  •  la durata minima dell’attività aerobica è di 150 minuti settimanali suddivisi in 3 sedute.
  • sono raccomandati esercizi di resistenza per una frequenza di 2 volte alla settimana, con un giorno di riposo tra una seduta e l’altra.
  • una prescrizione individuale dell’esercizio fisico dovrebbe includere informazioni specifiche sul tipo, modalità, durata, intensità e frequenza settimanale.
  • l’esercizio dovrebbe essere adattato al singolo individuo, basandosi sulle comorbidità, controindicazione e sugli obiettivi personali.

Lorenzo Reddavide
Istruttore Medical Fitness
Centro Medico Arcidiacono

SCOPRI I BENEFICI DEL MEDICAL FITNESS!

PRENOTA ORA UNA PROVA GRATUITA CON IL NOSTRO OPERATORE SPORTIVO chiamando il numero 06. 2070889.

Il Centro Medico Arcidiacono di Roma si trova in Via di Prataporci 52, lungo Via Casilina, direzione Roma sud, nella zona Finocchio Borghesiana a pochi metri da e Metro C fermata Bolognetta.

 

Write a comment:

*

Your email address will not be published.

2015 © Copyright Centro Medico Arcidiacono

Per Info        06.2070889