attività fisica osteoporosi

A cosa è dovuta l’osteoporosi

L’Osteoporosi è una patologia osteometabolica caratterizzata da una sostanziale perdita di masa ossea e da un deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo, peggiorando la qualità e la forza dello scheletro con aumentato rischio di frattura. Le fratture interessano il sistema muscolo-scheletrico causando dolore cronico, perdita di capacità funzionale e compromettono la qualità della vita.

Il problema dell’osteoporosi è divenuto globale in quanto colpisce circa 200 milioni di persone nel mondo. Quando ancora non è stata diagnosticata sono diverse le misure preventive generali che vengono consigliate ed attuate dal paziente come ad esempio la supplementazione di calcio e vitamina D, l’istruzione alla prevenzione delle cadute e la pratica di specifici esercizi fisici per migliorare la salute ossea e quindi la qualità della vita.

Potrebbe interessarti: Moc, prenditi cura delle tue ossa

Attività fisica e Osteoporosi

Il tessuto osseo è sottoposto a continuo rimodellamento dall’azione di vari fattori ormonali e dall’attività degli osteoblasti ed osteoclasti ed è in grado di adattarsi e rispondere a vari stimoli come la pratica dell’attività fisica. Durante il movimento forze meccaniche possono essere esercitate sull’osso attraverso le forze di reazione del terreno e la contrazione muscolare, risultando in un mantenimento o guadagno di massa ossea.

Effetti attività fisica sull’osteoporosi

Da diversi studi scientifici nei quali si sono indagati gli effetti tra attività fisica e osteoporosi, sembra che la via migliore per stimolare il metabaolismo osseo sia utilizzare esercizi antigravitari e di resistenza.

Il camminare come unico programma di allenamento migliora la BMD (densità minerale ossea) femorale nelle donne nel periodo post-menopausa ma non a livello della colonna vertebrale. Pertanto un programma combinato in cui siano presenti esercizi di impatto (antigravitari) e di resistenza è raccomandato per aumentare la BMD del rachide. Gli esercizi senza utilizzo di sovraccarichi generano alti livelli di forza muscolare ma nessuna forza di impatto e questo può essere un indice che i carichi gravitazionali siano davvero rilevanti sulla stimolazione ossea.

Da uno studio longitudinale durato 7 anni è emerso che l’andare in bicicletta può essere considerato un esercizio complementare ad altri in cui sono previsti sovraccarichi, pliometria, o altre attività ad impatto che aiutano a minimizzare la perdita di massa ossea. Uno studio del 2013 ha messo ha messo in relazione tre differenti tipologie di intervento (esercizi di forza, alto impatto, nessun esercizio fisico) in donne post-menopausa evidenziando, dopo 6 mesi, un significativo incremento della densità minerale ossea (BMD) a livello del rachide lombare e del collo del femore per il gruppo che si è sottoposto ad allenamento ad alto impatto; sempre nello stesso gruppo si è osservato un aumento dell’osteocalcina (OC), un marker di formazione ossea.

Questo dimostra che le forze di impatto sono elementi rilevanti nella stimolazione del metabolismo osseo. Invece durante il resistance training la varietà delle forze muscolari applicate alle ossa (nel punto di inserzione dei tendini) generano stimoli capaci di promuovere una risposta osteogenica. Questo meccanismo prevede azioni come la tensione, compressione e torsione, che creano segnali elettrici atti a stimolare il metabolismo osseo e l’apposizione di minerali nei punti in cui sono applicate le forze miotendinee, incrementando la densità minerale ossea (BMD) probabilmente inibendone il riassorbimento. Un programma di allenamento della forza di intensità moderata-alta (70-90 % di 1 Ripetizione Massimale) comprende 3-4 serie da 8-12 ripetizioni per ogni esercizio, secondo una frequenza di 2-3 volte alla settimana ed è in grado di mantenere o migliorare il BMD dell’anca e del femore in donne post-menopausa quando viene eseguito per almeno un anno.

Diversi studi hanno dimostrato che gli esercizi, per stimolare la formazione ossea, devono avere le seguenti caratteristiche:

  • dinamismo
  • intensità elevata
  • breve durata di stimolo.

Inoltre altri studi hanno dimostrato che migliorando la forza dei muscoli estensori del rachide in donne post-menopausa si è verificata una riduzione delle fratture della colonna, così come l’aumento dell’equilibrio ha ridotto le cadute. Si è visto che l’aumento di forza dei muscoli della colonna ha diminuito l’incidenza di nuove fratture vertebrali in pazienti sottoposti a interventi chirurgici.

PRECAUZIONI DURANTE L’ALLENAMENTO

Quando si prescrive un programma di allenamento per prevenire o trattare l’osteoporosi, alcune misure devono essere attuate per garantire l’efficacia e la sicurezza dello stesso.

  • Per prima cosa indossare scarpe comode con una suola aderente, effettuare un riscaldamento prima della sessione di allenamento e mantenere una corretta postura durante l’esecuzione degli esercizi al fine di evitare infortuni.
  • È importante allenarsi in sicurezza il che vuol dire utilizzare pedane con l’ausilio di sbarre di appoggio per prevenire le cadute.
  • Inoltre occorre potenziare la muscolatura addominale tale da mantenere una buona postura e sostenere la colonna vertebrale. Anche se la funzione primaria dell’addome è quella di flettere la colonna, ripetuti movimenti di questo genere, in soggetti con fragilità ossea, andrebbero a stressare i corpi vertebrali aumentando così il rischio di frattura.
  • La strategia corretta per rafforzare la muscolatura addominale è quella di contrarre isometricamente tenendo la schiena in posizione neutra, in decubito supino con le anche flesse e forzando l’espirazione.

Lorenzo Reddavide
Operatore Sportivo – Medical Fitness
Centro Medico Arcidiacono

Vieni a conoscere personalmente il nostro Personal Trainer Lorenzo Reddavide presso il nostro Centro Medico. Ci trovi a Roma in via di Prataporci 52, zona Borghesiana Finocchio, lungo Via Casilina direzione Roma sud.

Per maggiori informazioni o prenotare il primo incontro gratuito puoi contattarci al numero: 06 2070889; o inviarci una e-mail a: info@centromedicoarcidiacono.it.

Write a comment:

*

Your email address will not be published.

2015 © Copyright Centro Medico Arcidiacono

Per Info        06.2070889