Condividi su:

Il sonno è un momento particolarmente delicato per il bambino, perché è un momento in cui deve tollerare il distanziamento dai genitori, e fare qualcosa completamente da solo: riposarsi.

Per fare ciò però il neonato ha la necessità di sentirsi al sicuro, e sapere che in caso di bisogno i suoi genitori saranno lì a consolarlo.
Quando la mamma, o il papà, risponde amorevolmente al figlio, quest’ultimo colleziona dei momenti di gioia (dei rinforzi positivi) in cui i genitori sono disponibili per lui. Impara così a fidarsi e fare affidamento negli altri.
Bambini fiduciosi avranno un sonno più tranquillo. Dormono infatti meglio quei bambini che durante il giorno non hanno avuto esperienze di stress, e che hanno ricevuto le dovute attenzioni, anche in termini di esperienza emotiva, da parte dei loro genitori.

Per accompagnare il proprio figlio al momento del sonno è utile creare per lui dei rituali fissi, che gli faranno intendere che è il momento di riposarsi.

Possono essere azioni come lavarsi i denti, leggere una storia a letto, o farsi le coccole. In tal modo il tempo per il bambino diventa qualcosa di strutturato e prevedibile, donandogli così la tranquillità necessaria per il sonno. La presenza dei genitori durante questo rituale è fondamentale, perché si configurerà come un saluto amorevole e la promessa che nonostante la distanza, se ben minima, i genitori saranno sempre lì per lui, saranno la sua base sicura. Tale concetto fu ideato da John Bowlby e Mary Ainsworth, secondo i
quali:

“[…] la caratteristica più importante dell’essere genitori è fornire una base sicura da cui un bambino o un adolescente possa partire per affacciarsi nel mondo esterno e a cui possa ritornare sapendo per certo che sarà il benvenuto, nutrito sul piano fisico ed emotivo, confortato se triste, rassicurato se spaventato” .

come-interpretare-il-pianto-di-un-neonatoIl pianto, soprattutto al momento del sonno, è un modo del bambino di richiamare a sé quella sua base sicura, in modo da ripristinare un senso di sicurezza con la propria figura di attaccamento.

I comportamenti di attaccamento sono tutti quei comportamenti, come l’aggrapparsi e il succhiare, che permettono al bambino di mantenere una vicinanza con la sua figura di riferimento, e si configurano quindi come una funziona adattiva per la sopravvivenza. Il pianto è infatti fa parte di uno di quei comportamenti di segnalazione di natura istintuale per assicurarsi protezione.

L’indisponibilità materna potrebbe creare dei pattern di attaccamento non sicuri come:

L’attaccamento evitante: Il bambino non utilizza il genitore come Base Sicura; non tende a fare riferimento all’adulto quando si sente moderatamente spaventato e a disagio. Al momento della separazione dalla madre, non protesta, non mostra segni di ansia né di preoccupazione o altri segni di disagio e al suo ritorno si mostra apparentemente indifferente.
L’attaccamento preoccupato: in cui il bambino piange e protesta vivacemente al momento della separazione. Spesso la vicinanza e il contatto con i caregiver (colei/colui che si prende cura) vengono ricercati ancora prima che essa avvenga, attivando un forte controllo nei confronti dell’estraneo e della situazione.
L’attaccamento disorganizzato: in cui i due stili precedenti si mischiano fra di loro senza apparente
senso, mostrando un ambivalenza fra le due posizioni.

La disponibilità figura genitoriale invece, con la sua amorevole presenza permetterà al bambino, oltre che di tornare al proprio sonno, di crescere in modo sano all’interno di una relazione sicura.

Dott.ssa Francesca Romana Del Popolo
Psicologa Clinica

La dottoressa Del Popolo, riceve presso il Centro Medico Arcidiacono di Roma ogni lunedì pomeriggio, professionista in Psicologia clinica può fornire ai propri assistiti quel supporto morale e clinico, in quei particolari momenti di difficoltà che ognuno di noi può incontrare nella propria vita.

Il Centro Medico Arcidiacono si trova a Roma, in Via di Prataporci 52, apochi passi da Via Casilina (Metro C- Bolognetta) in zona Borghesiana-Finocchio. Per prenotare una seduta con la Psicologa potete contattarci al numero: 06 2070889.

Condividi su:
Write a comment:

*

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2018 © Copyright Centro Medico Arcidiacono / P.IVA 09714261006 - Policy Privacy

Per Info        06.2070889

Contattaci
Fatti richiamare
Mandaci una mail
Chiamaci